Oramai è primavera, lo si sente nell’aria, lo si vede guardando i prati macchiati di fioriture. Ciononostante la mattina all’alba fa ancora freddo, e la brina si ferma sulle foglie della roverella, che tra poco le butterà via per far distendere quelle nuove. Gli ultimi freddi, per quest’anno. Il pennello multicolore della nuova stagione è pronto. Ma se la natura sboccia, Genius Loci chiude. In fondo la natura e la vita sono fatti di cicli che si ripetono, però evolvono e cambiano, non sono mai del tutto identici. Così credo che la chiusura del nostro blog non sia affatto la fine di qualcosa, ma l’inizio di qualcos’altro, per tutti noi che in vario modo abbiamo collaborato e per tutti coloro che ci hanno seguito, giorno dopo giorno. E se un po’ di brina l’abbiamo sul cuore, come sempre quando finisce un’esperienza che ci ha dato soddisfazioni, sappiamo che presto si scioglierà e nuove occasioni arriveranno, nuovi esperimenti, nuove strade da percorrere. Per quanto mi riguarda, sto dedicando le mie energie alla realizzazione di un progetto editoriale di cui potrete seguire l’evoluzione, se ne avrete voglia, sul mio sito kelidonphotography.com. Insomma, non perdiamoci di vista. Lo dico a voi che ci leggete, lo dico agli altri colleghi con cui abbiamo condiviso questo tassello di vita: piccolo, ma sappiamo che un mosaico per essere completo deve avere ogni singola tessera al suo posto. Per questo, vi dico: grazie. E’ stato un onore ma soprattutto un piacere.

- © Marco Scataglini, all rights reserved.

Arlena di Castro, 28.02.2017, fotocamera mirrorless, 14-42 mm a 42 mm, f/9, 1.6 s, ISO 200, cavalletto, conversione da RAW

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *