E’ la fine di una giornata non particolarmente ricca di incontri nelle savane del sud del Serengeti. Quasi rassegnato e col sole ormai prossimo a scomparire sotto l’orizzonte, faccio un’ultima visita alla roccia che sorge in mezzo alla savana ai margini di una boscaglia di Acacia Tortilis poco lontano dal campo. E’ un kopje che assomiglia a una roccaforte, con alcuni Fichi delle Rocce Africani (Ficus glumosa) che crescono dalle crepe nel granito. Giro attorno alla roccia e in alto, sdraiato nascosto dalla vegetazione, scorgo un leopardo che si sta risvegliando dal suo sonno diurno. Si lecca senza fretta, si guarda attorno ogni tanto, mentre il sole tramonta. Poi si alza e sparisce momentaneamente, tra rocce e fogliame. Aspetto. Dopo qualche minuto scende da uno dei versanti della parete rocciosa e si sdraia maestosamente su una roccia ad osservare il calare della sera, la luce che si affievola. Per lui la giornata inizia adesso.
Mi sembra che questo leopardo in questo scenario incarni meglio di qualunque altro lo spirito, il Genius loci, dell’Africa e delle sue terre selvagge, ancora misteriosa nonostante milioni di immagini e filmati che cercano di raccontarla. Il leopardo si rivela solo quando lo desidera, ti fa sapere di esserci, e oggi che si conclude il lungo viaggio di questo blog, ha deciso di venire a salutarci. Buona notte, buona vita, felino meraviglioso.

- © Federico Veronesi, all rights reserved.

Serengeti NP, Tanzania. 200mm 1/250 at f/4 ISO 1600

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *